Intervista a Andrea Otten

Urgens inizia un progetto nuovo, una serie di interviste a volontari in ambito di soccorso ed emergenza. Lo scopo non è la celebrazione del volontario, bensì l’indagine dell’animo, del percorso che egli ha fatto e di come questo abbia influenzato la sua vita. Abbiamo iniziato contattando Andrea Otten.

Un cambiamento sociale

Il 20 luglio scade il termine per le associazioni sportive amatoriale e dilettantistiche per adeguarsi alle norme del Decreto Balduzzi che impone a tali soggetti di attrezzarsi con un apparecchio DAE (defibrillatore semiautomatico esterno) e di preparare il personale mediante i corsi presso gli enti riconosciuti. Nel prossimo futuro questo obbligo verrà poi probabilmente esteso fino a creare un rete di diffusione dei punti dotati di defibrillatore quanto più estesa possibile.

La testimonianza di Marco

Marco è un Volontario del Soccorso della Croce Rossa di Alassio ed al Corpo Militare della Croce Rossa. Non è proprio il classico passante che si ritrova a dover intervenire senza alcuna esperienza, anzi di esperienza ne ha tanta e non manca neppure la preparazione al soccorso. Riportiamo la sua esperienza per via delle condizioni particolari nelle quali ha dovuto operare.

La testimonianza di Giuseppe

Ho avuto il piacere raggiungere telefonicamente l’uomo che si è trovato protagonista di una vicenda importante: Giuseppe Sivero, sottufficiale della Capitaneria di Porto con il grado di Secondo Capo, padre e soccorritore per caso di un bambino di 3 mesi.

La testimonianza di Cornelio

Dal 2013 Cornelio, Maresciallo della Marina, e sua moglie Teresa frequentano corsi di BLSD con grande passione cercando di perfezionare la loro cultura del soccorso.

La testimonianza di Pablo

Pablo è un giovane padre di famiglia con la passione per il calcio. Sta frequentando il corso per diventare allenatore e fra i corsi che è tenuto a superare c’è la qualifica al BLS-D, che è organizzato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio in collaborazione con DAN Europe.

La testimonianza di Lele

Lele, all’anagrafe Emanuele, sta chiacchierando con me ed è seduto sul muretto che divide i suoi bagni dalla bellissima passeggiata di Cogoleto. Vede un conoscente che cammina a poca distanza. I due si salutano con un cenno della mano….

Amacord i vecchi mezzi di soccorso

Braccia muscolose e blocco di ponte. In quel punto della città diverse strade confluivano in nella piazza centrale e a quell’ora, di prima mattina, il traffico si muoveva in maniera isterica. L’autobus di servizio procedeva lento con l’inerzia di un dinosauro, nelle automobili conducenti con l’espressione sconfitta di un condannati ai lavori forzati che aspettavano si potesse avanzare di qualche metro sperando di non…

Quando la corda si spezza

E’ una “normale” mattinata di fine fase 1 di quarantena emergenza Covid19, sono al pc quando arriva una notifica su whatsapp. Una chat di gruppo, tutti volontari ed ex volontari in ambiente 118.
Uno degli amici ci manda una foto d’inizio turno, preparato per un intervento Covid….

Ogni volontario è uno chef

Il soccorritore si nutre di pura tensione solo per i primi turni di servizio, poi capisce che non è il caso di assumere solamente il caffè della macchinetta quando si è in sede.